immagine

Lunedì 6 Luglio 2020

“Protocollo condiviso di regolazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro”

Sabato 14 marzo 2020, è stato sottoscritto il “Protocollo condiviso di regolazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro”. 

Il protocollo è stato sottoscritto su invito del Presidente del Consiglio dei ministri, del ministro dell’Economia, del ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, del ministro dello Sviluppo economico e del ministro della Salute, che hanno promosso l’incontro tra le parti sociali, in attuazione della misura, contenuta all’articolo 1, comma primo, numero 9), del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 11 marzo 2020, che, in relazione alle attività professionali e alle attività produttive, raccomanda intese tra organizzazioni datoriali e sindacali.

Ai lavori ha preso parte il Presidente di Confartigianato Imprese Giorgio Merletti, anche in rappresentanza di Rete Imprese Italia, condividendo l’obiettivo del Protocollo ovvero quello di contenere la diffusione del Coronavirus, mantenendo attive le aziende in “presenza di condizioni che assicurino alle persone che lavorano adeguati livelli di protezione”. 

Pertanto le parti hanno convenuto sul possibile ricorso agli ammortizzatori sociali, con la conseguente riduzione o sospensione dell’attività lavorativa, al fine di permettere alle imprese di tutti i settori di applicare tali misure e la conseguente messa in sicurezza del luogo di lavoro. 

È, dunque, obiettivo prioritario coniugare la prosecuzione delle attività produttive con la garanzia di condizioni di salubrità e sicurezza degli ambienti di lavoro e delle modalità lavorative. Nell’ambito di tale obiettivo, si può prevedere anche la riduzione o la sospensione temporanea delle attività.

Accogliamo positivamente lintesa raggiunta – afferma il Presidente di Confartigianato Imprese Calabria, Roberto Matragrano -. Le imprese manifatturiere italiane e calabresi sono principalmente composte da micro, piccole e medie imprese e da artigiani che pongono al centro, da sempre, la massima attenzione alle persone. La maggior parte di queste aziende sono imprese piccole, a conduzione familiare, che hanno grande il valore della comunità. Queste sono le imprese che Confartigianato rappresenta a cui il protocollo di intesa sottoscritto attribuisce un grande ruolo. Come affermato già dal presidente confederale Merletti, la nostra presenza ha evitato l’imposizione di nuovi e gravosi adempimenti a carico delle imprese, valorizzando il nostro sistema di relazioni sindacali e di organismi territoriali per la sicurezza per un efficace contenimento della diffusione del virus”.

SCARICA GLI ALLEGATI